Il concorso a premio under 25 – dedicato dunque a giovanissimi artisti, creativi, makers– all’interno del Festival ROBOTICS, FESTIVAL DI ARTE E ROBOTICA – ha spostato la propria dead line dal 31 agosto al 30 settembre. C’è ancora tempo per inventare e proporre qualcosa di innovativo sul terreno dell’intreccio tra arte/scienza/tecnologiaI. Il titolo infatti del concorso, come di questa prima edizione del festival, è Digitale Nature.
Il campo è aperto. Robotica, realtà virtuale, realtà aumentata, progetti di rete, telepresenza e comunicazione, eventi interattivi con la partecipazione del pubblico, interfacce innovative, hardware e software, app, stampe 3D, tagli laser, e in genere tutte quelle espressioni che rientrino nella cosiddetta new media art sono percorribili per concorrere al bando. In premio, oltre a una somma di denaro, c’è la possibilità di allestire, o comunque proporre il progetto vincente all’interno della mostra internazionale che sarà ospitata alla Centrale Idro-Dinamica del Porto Vecchio di Tieste. Un’occasione dunque per farsi conoscere in un luogo inconsueto e prestigoso accanto ad artisti di fama internazionale come Bill Vorn, Ken Rinaldo, Patrick Tresset, France Cadet…
L’obiettivo principale del concorso – che è parte integrante del progetto ROBOTICS Festival di Arte e Robotica – è quello di dare visibilità a giovani che si cimentino, con capacità innovative, sul tema “Digital nature”, cioè sulla co-evoluzione in atto di natura e tecnologia, impiegando discipline disparate, dalle neuro-scienze alla biotecnologia allineandosi sulle nuove frontiere di amalgama tra dati digitali e il mondo fisico dei nostri corpi. Si premierà il progetto in cui si evidenzino aspetti innovativi nel sopra citato connubio di arte, scienza e tecnologia partendo dall’immaginazione, elemento fondante sia della scienza, che dell’arte, associata a competenze scientifiche/tecnologiche anche nella prosepettiva di possibili applicazioni in settori produttivi.
Concorso e Festival fanno parte di un progetto promosso dal Gruppo78 con il sostengo della Regione e del Comune di Trieste, e di altre sponsorizzazioni tra cui la Fondazione Kathleen Foreman Casali, e con la collaborazione del Science Centre Immaginario Scientifico, della SISSA, dell’Università di Trieste e dell’Università di Udine. Avrà luogo in diverse sedi a Trieste e in Regione dal 17 al 28 novembre 2018.